reblogged 1 day ago
18 Apr 2014 132 notes

E la Morte parlò a loro. Era arrabbiata perché tre nuove vittime l’avevano appena imbrogliata: di solito i viaggiatori annegavano nel fiume. Ma la Morte era astuta. Finse di congratularsi con i tre fratelli per la loro magia e disse che ciascuno di loro meritava un premio per essere stato tanto abile da sfuggirle.
Così il fratello maggiore, che era un uomo bellicoso, chiese una bacchetta più potente di qualunque altra al mondo […].
Il secondo fratello, che era un uomo arrogante, decise che voleva umiliare ancora di più la Morte e chiese il potere di richiamare gli altri dalla Morte. […]
Infine la Morte chiese al terzo fratello, il minore, che cosa desiderava. Il fratello più giovane era il più umile e anche il più saggio dei tre, e non si fidava della Morte. Perciò chiese qualcosa che gli permettesse di andarsene senza essere seguito da lei. E la Morte, con estrema riluttanza, gli consegnò il proprio Mantello dell’Invisibilità.

~J. K. Rowling, Harry Potter e i Doni della Morte. (via theprovocationofwoodstock)  
like
reblogged 1 day ago
18 Apr 2014 3 notes
like
reblogged 1 day ago
18 Apr 2014 278,982 notes
like
reblogged 1 day ago
18 Apr 2014 9,819 notes
like
reblogged 1 week ago
08 Apr 2014 7,487 notes
taylorswift:

"For whatever we lose (like a you or a me),It’s always ourselves we find in the sea.”E.E. Cummings

taylorswift:

"For whatever we lose (like a you or a me),
It’s always ourselves we find in the sea.”
E.E. Cummings

like
reblogged 1 week ago
06 Apr 2014 5,903 notes

Dovreste capire che l’inglese è la lingua più bella del mondo, se provaste a capirla, ve ne innamorereste. In inglese innamorarsi si dice ‘fall in love’ letteralmente tradotto ‘cadere in amore’, e infatti in amore si cade e cadendo ci si fa male e rialzarsi è una vera e propria sfida. Invece ‘I am in love with you’, si traduce in ‘io sono innamorato con te’, non di te, e come se si desse per scontato che l’altra persona ricambi.In together c’è la parola ‘to - get - there’ ovvero ‘per arrivare li’ , perché per arrivare da qualche parte bisogna essere insieme. Si potrebbe amare l’inglese anche per il solo motivo che la parola ‘crush’ che vuol dire cotta, ti fa venire in mente il rumore di uno schianto infatti quando si è cotti di una persona si va a sbattere con la testa un po’ ovunque.Oppure ci avete mai pensato che la stessa parola imperfect contiene ‘I’m perfect”? Ed è la stessa cosa in impossibile. Mentre “piangere a dirotto” si dice ‘crying your heart out’ come se ogni volta che piangiamo forte rischiassimo di perdere un pezzo di cuore. Mentre la parola “lucciole” si traduce con “fireflies” letteralmente “fuoco che vola” e solo se provi ad immaginare la scena potresti rabbrividire.Cioè dai, vogliamo parlare della parola ‘bed’ che se la guardi attentamente ha la forma di un letto? O della parola ‘stressed’ che al contrario si legge dessert? Pensate alla parola fine, che in italiano fa tanta paura e provoca spesso dolore che in inglese vuol dire “bene”.La parola maschio invece si traduce in ‘male’ e questo già ci fa capire quale sia la differenza tra maschio e uomo. Una cosa meraviglosa e invece che “io” è l’unico pronome che si scrive sempre maiuscolo, non “tu”, non “noi”, sempre e solo “io” come a ricordarci che noi stessi siamo esseri importanti. Gli Inglesi inoltre usano l’espressione “learn by heart” per dire “imparare a memoria” come se la memoria non risiedesse nella mente e infatti i ricordi più belli hanno sede nel cuore. Ma la cosa più bella rimane che dicendo “I love you” si annulla la differenza che in italiano abbiamo tra ti amo e ti voglio bene. Diciamolo questi inglesi con le parole ci sanno proprio fare.

~(via bruciamoinsieme)  
like
reblogged 2 weeks ago
30 Mar 2014 29,144 notes
like
reblogged 3 weeks ago
29 Mar 2014 3,892 notes
like
reblogged 3 weeks ago
29 Mar 2014 2,096 notes
2007-2013
like
reblogged 3 weeks ago
27 Mar 2014 1,377 notes

Un professore mostra un biglietto da 20 € e chiede ai suoi studenti: “Chi vuole questo biglietto? ” Tutte le mani si alzano.
Allora comincia a sgualcire il biglietto e poi chiede di nuovo: “Lo volete ancora?” Le mani si alzano di nuovo.
Getta per terra il biglietto sgualcito, lo pesta con i piedi e chiede: “Lo volete sempre?” tutte le mani si rialzano.
Quindi dice: “Avete appena avuto una dimostrazione pratica! Importa poco ciò che faccio con questo biglietto, lo volete sempre, perché il suo valore non è cambiato. Vale sempre 20 €”.
Molte volte nella vostra vita, sarete sgualciti, rigettati dalle persone e dagli avvenimenti. Avrete l’impressione di non valere più niente, ma il vostro valore non sarà cambiato agli occhi delle persone che vi amano davvero. Anche nei giorni in cui sentiamo di valere meno di un centesimo il nostro vero valore è rimasto lo stesso.

like
reblogged 3 weeks ago
26 Mar 2014 52 notes
like
reblogged 3 weeks ago
26 Mar 2014 71 notes

2010 ➝ 2014.

2010 ➝ 2014.

like
reblogged 3 weeks ago
26 Mar 2014 119 notes
like
reblogged 3 weeks ago
26 Mar 2014 321 notes
like
reblogged 3 weeks ago
26 Mar 2014 279 notes
like